1. Home
  2. /
  3. Articoli Divulgativi
  4. /
  5. Dolori di stomaco...

Quando soffriamo di mal di schiena, bruciore di stomaco, dolore alla bocca dello stomaco raramente pensiamo che la causa del dolore possa riguardare mal stomaco e schiena contemporaneamente.

Diversi sono i fattori scatenanti dei dolori di stomaco e schiena ma molto spesso l’origine del disturbo è da ricercare in contratture muscolari o posture errate, come quelle che si tengono lavorando per troppe ore al PC.

Eppure in altri casi il mal di schiena può essere dovuto da disturbi di stomaco, intestino, all’apparato genitale o da problemi oncologici. Quando si soffre di dolore o bruciore di stomaco, non di rado questo fastidio si irradia in modo molto fastidioso alla schiena e ogni massaggiatore conosce le manovre precise che possono portare sollievo  agendo sulle tensioni muscolari che causano i problemi di stomaco.

Le cause per un dolore bocca dello stomaco e alla schiena

Se pensiamo al mal di schiena associato al mal di stomaco, se questo si percepisce nel lato sinistro del corpo potrebbe essere causato da problemi agli organi addominali oppure al bacino. Una causa frequente di dolore sono i calcoli biliari che si caratterizzano per mal di schiena e mal di stomaco prolungati e riguardano la parte compresa tra la scapola e la spalla destra.

Anche un’infiammazione del’appendice può portare a condizioni di tensione muscolare in cui i dolori sono presenti alla schiena e allo stomaco contemporaneamente. Non dimentichiamo casi più gravi, come l’aneurisma aortico che a causa della dilatazione dell’aorta e della rottura dell’aneurisma porta il paziente a provare fortissimi dolori a schiena e stomaco. Anche l’apparato genitale porta frequentemente a mal di schiena: lo sanno bene le donne nel periodo mestruale che si caratterizza oltre che con crampi anche con reflusso acido dallo stomaco o addirittura infiammazione pelvica.

In questo caso la parte che proverà fastidio e dolore sarà quella della zona bassa lombare. Consigliabile però rivlgersi al medico se il mal di schiena e il mal di stomaco sono frequenti, associati e non passano con i comuni farmaci da banco.

La causa principale del bruciore di stomaco: il reflusso gastroesofageo

Quando si parla di mal di stomaco e schiena contemporaneamente la causa più frequente è il reflusso gastrico che riesce a provocare forti dolori che dallo stomaco si irradiano fino alla schiena creando fastidi nella zona medio-alta della colonna vertebrale ovvero generando dolore scapolare che è in realtà di derivazione dallo stomaco. Il disturbo più frequente, specialmente dovuto allo stress, è il bruciore di stomaco o pirosi che nei casi più gravi arriva fino alla gola e si accompagna frequentemente da dolori al petto e allo sterno.

Non di rado il paziente riferisce mal di schiena o problemi cardiaci che sono in realtà manifestazioni riflesse del reflusso gastroesofageo. In questa patologia il materiale acido presente nello stomaco risale lungo l’esofago fino alla bocca anziché essere digerito. Se il disturbo diventa cronico e persiste nel tempo avremo la cosiddetta esofagite da reflusso, ovvero l’infiammazione della parte interna dell’esofago.

Il ritorno di liquido dallo stomaco è problema frequente ma in questo caso il fatto che sia acido e arrivi nella zona alta dell’esofago fino alla gola genera tutti questi disturbi. Sappiamo infatti come all’interno dell’esofago vi sia uno sfintere che va a produrre i succhi gastrici necessari ala digestione ma che, se si indebolisce, permette a tali acidi di risalire lungo l’esofago  fino alle parti che non sono protette dalla loro azione erosiva.

Molto spesso questo problema è dato da cattive abitudini alimentari, abuso di alcool e farmaci ma anche fumo e ansia. Ci sono poi i casi in cui è provocato dall’ernia iatale che sposta lo stomaco sopra al diaframma e causa appunto il ben noto dolore retro sternale che in tanti confondono con l’infarto. Se soffrite di reflusso gastroesofageo e bruciori di stomaco sicuramente il medico vi consiglierà cure farmacologiche o naturali, anche se per il mal di schiena associato sono molto utili i massaggi decontratturanti.

Si ricorda inoltre l’importanza di mantenere una postura perfetta, evitando piegamenti in avanti per non fare pressione sullo stomaco e magari si consiglia di dormire con la testa rialzata di circa 10 cm e sul lato sinistro del corpo. Alcuni gastroenterologi consigliano una dieta povera o priva di latticini e di andare a letto con lo stomaco vuoto.

 

Dolori di stomaco schiena

Dolori di stomaco come risolverli.

 

Altre cause del dolore di stomaco e schiena

Abbiamo visto come il bruciore di stomaco sia un sintomo frequente che può accompagnarsi a fitte e sensazione di pesantezza e gonfiore, ma non sempre la causa del disturbo risiede nello stomaco. Ecco infatti come anche l’intestino o altro organo addominale infiammato possa creare fastidi allo stomaco ma anche un pasto abbondante e difficile da digerire. In tal caso avremo anche sintomi quale nausea e vomito.

Tra i fattori che peggiorano il mal di stomaco ricordiamo lo stress e l’ansia ma anche il fumo e il consumo di alcolici oppure l’assunzione di FANS come l’aspirina che sono noti per peggiorare la situazione. Solitamente in questi casi i sintomi scompaiono dopo poche ore, ma se il mal di stomaco è frequente potrebbe indicare una patologia più grave dell’apparato digerente come appunto la gastrire o, come visto sopra, il reflusso gastroesofageo.

Entrambi si caratterizzano per un dolore sordo e diffuso, percepito dal paziente come bruciore. Il mal di stomaco costante può indicare anche la presenza di un’ulcera ma in questo caso il dolore sarà trafittivo e localizzato, con cadenza stagionale in primavera o autunno. Un’ulcera gastrica darà dolore a stomaco pieno, una duodenale invece a digiuno e durante la notte. Il mal di stomaco può essere anche causato da una banale gastroenterite e sarà in questo caso accompagnato da vomito, febbre, diarrea e malessere. Infine se il dolore è caratterizzato da crampi sul bordo costale destro come una cintura l’ipotesi sono calcoli alla cistifellea.

Il dolore biliare è invece molto più intenso di quello dato da ulcera o cattiva digestione e si ripete con irradiazione alla zona sottocostale sinistra peggiorando con l’assunzione di cibo, caratteristica anche dell’infiammazione al pancreas. Un forte mal di stomaco può anche essere dovuto a disturbi della motilità gastrica, tumore allo stomaco o infarto del miocardio. In tutti questi casi è fondamentale un corretto stile di vita, soprattutto nel caso di reflusso gastroesofageo i cui la dieta mediterranea basata su alimenti vegetali e alcune attenzioni quotidiane possono migliorare di molto la sintomatologia.

Tra i consigli abbiamo quello di dimagrire se si è in sovrappeso, fare regolare attività fisica, non indossare abiti o cinture strette, mangiare lentamente ed evitare cibi grassi. Inoltre è consigliabile smettere di fumare, evitare superalcolici, cioccolato e non sdraiarsi dopo mangiato. Se ci sono calo di peso, anemia, emorragia o dolore toracico va sempre consultato il medico.

Dolori di stomaco schiena

Vediamo come risolvere il mal di schiena con il massaggio decontratturante.

Altre cause di mal di schiena e mal di stomaco

I disturbi della colonna vertebrale, in particolare della zona lombare, e del tratto digestivo dell’intestino sono anch’essi causa contemporanea di mal di schiena e mal di stomaco. Tra questi segnaliamo la sindrome del colon irritabile che porta a intensi mal di schiena dato che le due parti sono collegate dal punto di vista funzionale ma anche anatomicamente vicine.

Il colon e l’intestino tenue sono a contatto con la colonna vertebrale e la muscolatura circostante si contrae in caso di infiammazione. Un intestino che presenta irritazioni croniche ha conseguenze negative anche sui muscoli della schiena, causando contratture che il massaggiatore può alleviare con appositi massaggi decontratturanti agendo sul muscolo psoas.

Il massaggio decontratturante per il mal di schiena

Trattare la schiena con un massaggio decontratturante è la soluzione ideale per riportare in salute questa zona del corpo incaricata di sostenere tutta la muscolatura e molto spesso sottoposta a stress psico-fisico.

I massaggiatori che frequentano i nostri corsi di massaggio sanno bene come la maggior parte delle persone somatizzi lo stress proprio in questa parte del corpo, anche se un blocco alla schiena è frequente anche in chi mantiene per ore una postura scorretta.  Il blocco alla schiena può poi estendersi ai muscoli circostanti e impedire una corretta libertà di movimento, per cui è essenziale intervenire subito.

Trattare la schiena partecipando al corso di massaggio decontratturante permette anche di sciogliere le tensioni muscolari e agire in profondità sui tessuti e questo massaggio è indicato soprattutto in caso di lombalgia acuta che coinvolge tutta la parte inferiore della schiena con dolori e contrazioni. Una problematica muscolare che solitamente si risolve in un paio di giorni anche se il ripristino completo di tutte le funzionalità richiede più tempo.

In particolare con il massaggio lombare il massaggiatore agisce su una zona localizzata per sciogliere le tensioni e riportare la zona di schiena bloccata all’elasticità originaria. Ecco perché il massaggio decontratturante è oggi uno dei più richiesti nei centri benessere, nei centri termali e nei corsi per massaggiatori deve saperlo praticare.

Gli articoli contenuti in questa sezione hanno puro scopo divulgativo/informativo e non intendono sostituire il parere del medico. Inoltre il contenuto potrebbe essere non affidabile, dato il carattere puramente divulgativo degli articoli.