Olio per Massaggio

Olio per Massagio

La pratica del massaggio è sempre più popolare per bandire ed allontanare lo stress, lasciando allo stesso tempo la pelle liscia ed in salute. Tale effetto si ottiene anche grazie all’utilizzo combinato di un olio per massaggio rilassante. Quest’ultimo, oltre a favorire i movimenti del massaggiatore diminuendo l’attrito, contribuisce alla buona riuscita della seduta di massaggio ed al benessere generale di chi riceve il trattamento.

Olio per massaggio rilassante: le essenze più indicate

Olio per massaggio rilassante

L’olio da massaggio: come sceglierlo

Tra gli oli essenziali ve ne sono molti con un forte potere rilassante. Tra questi troviamo l’olio di mandorle, di cipresso, l’olio di eucalipto e quello di gelsomino. Queste essenze sono le più consigliate per praticare un perfetto massaggio rilassante. La pianta di cipresso è utilizzata sin dai tempi antichi per il trattamento delle nevralgie e delle infiammazioni.

Con l’olio essenziale ottenuto da questa pianta, è possibile intervenire anche sulle vene varicose e gli effetti benefici riescono a rafforzare i vasi sanguigni rendendoli più resistenti. L’olio essenziale di eucalipto, invece, rappresenta la scelta ideale in caso di problemi respiratori e disfunzioni muscolari. Quest’ultimo si ottiene direttamente dai rami di eucalipto ed ha un forte influsso positivo nei confronti del sistema immunitario.

Inoltre, tale olio è molto efficace anche in caso di emicrania. Infine, l’olio di gelsomino aiuta il corpo a recuperare velocemente la vitalità ed eliminare lo stress, donando nuova energia vitale ed intervenendo attivamente sulla pressione sanguigna.

Le caratteristiche che deve avere un buon olio da massaggio

L’enorme valore terapeutico e rilassante del massaggio può essere compromesso dall’errata scelta dell’olio essenziale, utilizzato durante la seduta. Un olio per massaggio rilassante non deve avere una forte densità e deve possedere una bassa viscosità, in modo da favorire un facile assorbimento dello stesso da parte della pelle. Anche l’aroma e l’odore dell’olio sono fattori da non trascurare assolutamente, poiché l’aromaterapia gioca un ruolo da protagonista nella buona pratica del massaggio. Infine, altro elemento da valutare, prima di scegliere un olio essenziale, è la sua capacità di idratazione. In caso di olio particolarmente idratante la pelle resta liscia per un periodo di tempo maggiore, amplificando l’effetto rilassante e benefico della seduta stessa.

Sfruttando l’enorme potere dell’aromaterapia è possibile ottimizzare gli effetti benefici di un buon massaggio. Pertanto, è buona pratica abbinare ad una seduta un olio per massaggio, ottenuto con oli essenziali, per raggiungere con maggior successo l’obiettivo desiderato da chi riceve il trattamento. 

Olio essenziale e massaggio: l’abbinamento perfetto

L’assorbimento dell’olio da parte della pelle, durante la seduta, gioca un ruolo fondamentale nell’effetto finale che si vuole ottenere. Per tale motivo, a seconda dell’unto presenta sulla pelle è possibile avere un effetto calmante, energizzante o rilassante. Ovviamente la maggior parte del lavoro è opera del massaggiatore, il quale con i suoi movimenti deve riuscire a creare un perfetto equilibrio con l’olio utilizzato. A tal proposito, se si vuole avere un effetto energizzante i movimenti utilizzati saranno perlopiù vigorosi, viceversa l’operatore del benessere effettuerà un movimento più lieve per ottenere un effetto rilassante. Essendo a stretto contatto con la pelle di chi riceve il massaggio, l’utilizzo degli oli essenziali prevede molte precauzioni per evitare spiacevoli effetti collaterali.olio per massaggio In particolare, bisogna prestare particolare attenzione in caso di allergie ad un determinato olio essenziale, oppure in presenza di ferite e lesioni cutanee. Poiché nella maggior parte dei casi l’olio essenziale va diluito prima dell’applicazione sulla pelle, anche nella composizione dell’olio per massaggio bisogna stare attenti alle giuste quantità di olio essenziale da diluire, per ottenere la perfetta miscela.

Olio per massaggio: quale essenza scegliere

Come detto in precedenza, la scelta dell’olio essenziale da usare è strettamente collegata all’effetto che si vuole ottenere con la seduta di massaggio. Per avere un effetto rilassante è possibile scegliere un olio essenziale di lavanda. Invece, per donare energia durante la seduta è preferibile scegliere l’olio essenziale di pompelmo. Vi sono alcune importanti proprietà degli oli essenziali che vanno oltre il semplice effetto post-massaggio, svolgendo un’autentica azione terapeutica. In particolare, l’olio di alloro è in grado di stimolare la memoria e l’olio di bergamotto svolge un’azione analgesica, antispasmodica e allo stesso tempo è in grado di rafforzare il sistema immunitario. L’olio di camomilla, ad esempio, riduce la febbre, l’insonnia e dona la calma, così come l’olio di canfora è un utile alleato contro il raffreddore.

Gli articoli contenuti in questa sezione hanno puro scopo divulgativo/informativo e non intendono sostituire il parere del medico.  I contenuti di cui sopra pertanto non sostituiscono le pagine ufficiali dei corsi e dei prodotti, dove, invece, sono presenti informazioni aggiornate e dettagliate.