Facciamo qualche esempio di potenziali guadagni: calcolando una media di 3 massaggi al giorno il massaggiatore che applica la tariffa di 1 euro per ogni minuto di massaggio guadagnerà 4140 euro mensili, una cifra destinata a crescere se i massaggi giornalieri diventano 5 o 8. Se infatti consideriamo una giornata lavorativa di 8 ore alla cifra di 60 euro l’ora,il massaggiatore professionista potrà guadagnare a fine mese un totale di 11.040 euro su 23 giorni lavorativi mensili. Come vedete si tratta di uno stipendio di tutto rispetto!

La pratica del massaggio è divenuta un’attività professionale molto valida e sempre più persone decidono di frequentare un corso professionale, per diventare un operatore del benessere qualificato. Partecipando attivamente ai corsi, sarà possibile imparare gradualmente le varie tecniche di massaggio e capire che lo stipendio di un massaggiatore non è la cosa che conta di più. Infatti, grazie alla passione e alla professionalità, quest’attività lavorativa saprà regalare enormi soddisfazioni personali e professionali.

Il massaggio è una tecnica  naturale che ha origini molto antiche ed è applicabile a ogni area del corpo e si distingue per la sua capacità di portare benefici sia al sistema immunitario che a quello nervoso fino al livello ormonale (riduzione degli ormoni responsabili dello stress) e all’apparato digestivo. Un buon massaggio è inoltre indicato per ridurre la tensione muscolare e migliorare la circolazione sanguigna, mentre a livello preventivo favorisce il contrasto alle infiammazioni e allevia in modo efficace il dolore.

Ecco perchè ricevere uno stipendio da massaggiatore non è sicuramente l’unico e il principale vantaggio derivante dall’essere un operatore del benessere: arrecare benessere e far felici le persone sarà infatti l’obiettivo da mettere sempre al primo posto nella propria attività di massaggiatore.

Il massaggio professionale

stipendio di un massaggiatore

Esecuzione di un massaggio

I corsi professionali di massaggio riescono a coniugare in modo impeccabile la teoria e la pratica, rendendo la formazione di un massaggiatore un’esperienza significativa ed estremamente stimolante. La formazione è in pratica aperta a tutti, poiché non è necessaria o obbligatoria alcuna documentazione o diploma per iscriversi.

Stipendio di un massaggiatore: l’ambito lavorativo

In ambito lavorativo, il massaggiatore professionale ha un inquadramento ben preciso e svolge un’attività legittima, come descritto nel Codice Civile (artt. 2060, 2061, 2229) e nella Costituzione Italiana. Una volta concluso il percorso formativo sarà chiaro che le competenze dell’operatore del benessere non vanno assolutamente confuse con quelle di un operatore medico-sanitario. Infatti, il massaggiatore non offre servizi di tipo sanitario e non può assolutamente prescrivere farmaci e terapie mediche, oppure sostituire il parere del medico. L’arte del massaggio è una pratica manuale non invasiva e non interviene in merito alla risoluzione diretta delle patologie.

DIPLOMA PROFESSIONALE DA 600 ORE
OPERATORE IN MASSAGGIO PROFESSIONALE

DIPLOMA DI ALTA FORMAZIONE DA 1000 ORE
OPERATORE SPECIALIZZATO IN MASSAGGIO PROFESSIONALE

Gli articoli contenuti in questa sezione hanno puro scopo divulgativo/informativo e non intendono sostituire il parere del medico.  I contenuti di cui sopra pertanto non sostituiscono le pagine ufficiali dei corsi, dove, invece, sono presenti informazioni aggiornate e dettagliate.