1. Home
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Anatomia
  6. /
  7. Muscolo Gran Dorsale:...

Il Gran Dorsale è un muscolo della schiena di forma triangolare.

E’ il muscolo più lungo del corpo umano, si estende dal torace, dalla parte inferiore, fino alla zona lombare.

Il muscolo è suddiviso in 4 parti:

  • Vertebrale si unisce nei processi spinosi di tutte le vertebre lombari e nelle ultime sei toraciche.
  • Scapolare ha origine dall’angolo inferiore della scapola
  • Iliaca che nasce dalla cresta iliaca
  • Costale che ha origine delle ultime quattro costole
7

Indice

Biomeccanica e funzioni

Questo muscolo partecipa ai movimenti della spalla, soprattutto al movimento di estensione, adduzione e rotazione interna del braccio, è in grado di addurre e intraruotare la spalla, di estendere il tronco e di ruotare il bacino e infine, è in grado di deprimere la scapola.

Il movimento in cui risulta più forte è l’estensione della spalla.

Il Gran Dorsale svolge la funzione di muscolo estensore in corrispondenza della spalla in posizione retroversa.

Mentre, in corrispondenza del braccio, svolge la funzione di abbassamento e adduzione laterale, questo solo se in linea con la fronte, infine, permette l’estensione orizzontale e la rotazione interna del braccio sul piano sagittale.

Il massimo allungamento, dai suoi estremi di intersezione, avviene quando il braccio si estende verso l’alto.

Agiscono in sinergia con il muscolo dorsale per l’estensione del tronco:

  • muscolo sacrospinale
  • muscoli spinali
  • muscoli intertrasversari

mentre per la retroposizione della spalla sono coinvolti:

  • muscolo grande romboide
  • muscolo piccolo romboide
  • trapezio

per l’allungamento del braccio invece:

  • muscolo deltoide
  • muscolo sottospinato
  • muscolo romboide
  • trapezio 

 per l’abbassamento del braccio invece:

  • piccolo pettorale 
  • gran pettorale 
  • tricipite brachiale

Dolore

Il muscolo gran dorsale è noto soprattutto a chi è dedito all’allenamento in palestra e si considera un bodybuilder, è un muscolo dall’impatto estetico eccezionale, in quanto concorre nel modellare la tanto agognata schiena a V.

Costantemente sollecitato durante gli esercizi in palestra e, a volte in modo scorretto, può incorrere in forme di dolore dalle diverse origini.

La più comune è la dorsalgia.

Un dolore percepito nel tratto dorsale della schiena, soprattutto nella zona tra le scapole,

può derivare da infiammazioni, contratture, ernia del disco, spasmi della muscolatura, infezioni da herpes zoster, atteggiamenti posturali scorretti, lesioni e traumi della colonna vertebrale.

Il dolore dorsale si manifesta e aumenta in alcune posizioni, mentre diminuisce con il riposo o la mobilizzazione.

Possono comparire anche sintomi secondari quali: mal di testa, movimenti meccanici del collo, fastidio alle spalle, affaticamento muscolare, formicolii.

La dorsalgia può essere acuta o cronica.   

Dorsalgia Acuta
Provocata principalmente da traumi, il dolore può essere associato ad attività specifiche, dura circa 20 giorni e può essere causato da:

  • Postura scorretta, soprattutto se mantenuta a lungo nel tempo
  • Movimenti non adatti (bruschi e improvvisi oppure per svariato tempo);
  • Sforzo non adeguato e scorretto rispetto a quello che la colonna dorsale possa effettivamente sopportare;
  • Traumi (incluse fratture vertebrali);
  • Contratture muscolari 
  • Lesioni dei dischi intervertebrali
  • Malattie infiammatorie (es. artrite reumatoide) o metaboliche

Dorsalgia cronica

Nella maggior parte dei casi, s’intende una patologia, che comprende il tratto della colonna vertebrale. Il dolore a questo livello è causato da una ipercifosi o un crollo vertebrale causato dall’osteoporosi.

La durata è compresa tra i 3 e i 6 mesi.

ll dolore cronico è provocato da:

  • Mantenimento prolungato ed abituale di posture scorrette (davanti al computer o per autisti, sarti ecc…)
  • Artrosi della colonna vertebrale;
  • Scoliosi, cifosi, lordosi
  • Osteoporosi

Cause

Le cause che provocano la dorsalgia infine, possono mostrare una varietà di sintomi che dipendono dalle strutture interessate.

La dorsalgia può essere dovuta all’eccessiva tensione dei muscoli o dell‘indebolimento dei muscoli addominali, dorsali e lombari o al sovrappeso.

Quando è associata a manifestazioni cutanee dolorose e pruriginose, può dipendere da un’infezione da herpes zoster (o fuoco di Sant’Antonio).

In caso invece di problemi legati ai muscoli e alle ossa, è possibile soffrire di irrigidimento del dorso e di contratture muscolari, in concomitanza della colonna vertebrale. 

Quando la dorsalgia tocca il tessuto nervoso, soprattutto le radici nervose, si avranno sintomi dolorosi, che arrivano alla zona intercostale e un intorpidimento per tutta la zona  interessata dal problema.

Rimedi comuni

Tra i rimedi più comuni ed efficaci, per la riduzione del dolore e per alleviare il fastidio da contratture e infiammazioni sciogliendo e distendendo i muscoli, troviamo il Massaggio Decontratturante per la dorsalgia. 

Soprattutto in fase acuta sarebbe bene tenere in considerazione le funzioni del Massaggio Posturale che riduce stress e tensioni muscolari migliorando la circolazione sanguigna e linfatica.

Infine, soprattutto per le continue sollecitazioni da esercizio fisico a cui è sottoposto il Gran Dorsale sarebbe opportuno valutare il Massaggio Sportivo che agisce su zone specifiche per migliorare le performance atletiche e di esercizio. 

Infine, se il dolore persiste, possiamo ricorrere ad alcuni Oli Essenziali antinfiammatori e antidolorifici quali:

DIABASI® ESSENTHIA TOUCH4FRESH: durante il massaggio svolge un’azione antinfiammatoria e rinfrescante, scioglie le tensioni muscolari ed è un potente decongestionante dopo l’attività sportiva.

DIABASI® ESSENTHIA TOUCH4HOT: agisce sullo sviluppo muscolare al fine di migliorare l’attività sportiva in atto.

DIABASI® ESSENTHIA EUCALIPTO: per sedare contratture muscolari e dolori muscolo scheletrici, utilizzarne 10 gocce durante il massaggio massoterapico.

DIABASI® ESSENTHIA ROSMARINO: ad azione miorilassante e decontratturante utile per riscaldare la zona trattata, da applicare alla fine di un massaggio. Allevia crampi e spasmi muscolari.

Di seguito alcuni esercizi per alleviare le tensioni del Muscolo Gran Dorsale, solo dopo aver preparato l’attività fisica scelta con un adeguato allungamento muscolare della parte dolente attraverso lo stretching e l’allenamento fisico.

Il gran dorsale è efficacemente stimolato, attraverso esercizi di “tirata” che coinvolgono l’articolazione della spalla con esercizi che portano un peso verso il nostro corpo. 

E’ importante precisare che, durante gli esercizi per il Gran Dorsale, dobbiamo considerare il sollecitamento anche dei muscoli adduttori e depressori della scapola, come trapezio medio e inferiore e i muscoli romboidi.

ESERCIZIO

  • esercizi di tirata con movimento ad ampiezza piena, come lat machine, pull down e trazioni nei quali si eseguono movimenti di adduzione (lat machine o trazioni a presa ampia) e/o estensione della spalla (lat machine o trazioni presa corta) con il braccio che passa oltre la testa. 
  • esercizi di tirata con movimento ad ampiezza parziale, come pulley e rematore, nei quali eseguiamo movimenti estensori della spalla con il braccio che parte davanti al nostro tronco a 90°.

Stretching e allungamento del muscolo dorsale

Necessario a scopo preventivo e terapeutico perché, soprattutto in palestra, il muscolo suddetto è sollecitato in modo scorretto e troppo frequentemente.

Esecuzione in piedi e seduto

Mettiti in piedi, schiena dritta e braccia distese come appeso ad una sbarra, sguardo avanti.

Con la mano sinistra, afferra il polso destro e tira il braccio verso sinistra, poi descrivi un arco. Avvertirai una sensazione di stiramento, nella parte laterale della scapola destra.

Respira naturalmente, per 6 volte consecutive. Esegui l’esercizio anche dalla parte opposta.

STRETCHING CON FOAM ROLLER

Scorrere un foam roller sul muscolo per 30-60 secondi, permettendo al muscolo di alleviare tensione e dolore. Insistere sulle zone rigide.

SBARRA DI TRAZIONE PER ALLUNGARE I DORSALI

Afferriamo la sbarra con braccia e palmi verso di noi, i piedi per terra.

Diminuiamo il peso lentamente verso terra spostandolo nella direzione delle braccia e percependo l’aumento di tensione dei muscoli dorsali.

Manteniamo l’allungamento per almeno 30 secondi.

Condividi questo articolo

DIVENTA PROMOTER 

Vuoi Lavorare con noi e diventare Promoter della linea di Oli Essenziali e Integratori Diabasi®?

olio essenziale di arancio dolce

Diventa Massaggiatore e Lavora Subito!

Cerca il Massaggiatore più vicino a Te!

Scopri tanti prodotti per te e per il Benessere!

Articoli Correlati

Artrite Reumatoide: Cos’è, Sintomi, Cause, Rimedi

Artrite Reumatoide: Cos’è, Sintomi, Cause, Rimedi

Cos'è e come nasce Cause Sintomi Rimedi farmacologici Rimedi naturali Prevenzione Alimentazione e artrite reumatoide Cos'è e come nasce L’artrite reumatoide siglata AR è una malattia infiammatoria cronica del sistema, definita autoimmune, che colpisce in modo...

leggi tutto
Strappo muscolare: cos’è’, cause, rimedi

Strappo muscolare: cos’è’, cause, rimedi

Cos’è Cause Sintomi Rimedi Prevenzione Cos’è Lo strappo muscolare rappresenta per il muscolo la lesione più grave, la quale provoca la rottura di diverse fibre del muscolo stesso. Normalmente questo tipo di lesione si verifica a causa di un eccessivo sovraccarico di...

leggi tutto

Disclaimer:

Gli articoli contenuti in questa sezione hanno puro scopo divulgativo/informativo e non intendono sostituire il parere del medico. I contenuti di cui sopra pertanto non sostituiscono le pagine ufficiali dei corsi e dei prodotti, dove, invece, sono presenti informazioni aggiornate e dettagliate.